Teoria del Gender: qual è la verità?

Settembre è un pò come il lunedì: si ricomincia daccapo, con nuove fantomatiche idee, nuovi inizi, nuove storie; un pò come quando decidi di metterti a dieta o di cominciare la palestra.

Quest’anno ad incorniciare il lunedì dell’anno, ci hanno pensato i media diffondendo la notizia dell’introduzione di una fantomatica “teoria del gender” nelle scuole, a cominciare dagli asili. Al riguardo ne sapevo quanto voi, cioè poco e male. Di conseguenza, spinta dalla curiosità e dall’ira di voler conoscere le reali intenzioni del ministero dell’istruzione sull’argomento, ho cercato qua e là, su internet, informazioni valide che chiarissero il fenomeno.

Mi sono ritrovata sul sito del ministero e su vari siti (anche a sostegno dei vari generi sessuali) per capire, da tutte le possibili parti, quale fosse veramente la situazione.

Parto dalla base, cerco su internet “gender” per capire di cosa letteralmente si tratta e trovo quanto segue:

L’appartenenza a uno dei due sessi dal punto di vista culturale e non biologico.

Pertanto, definisco come gender colui che si ritrova in un corpo biologico che non corrisponde ai suoi “sentimenti”. Quindi, la domanda sorge spontanea: i suoi sentimenti, fino a che punto vanno tutelati a discapito di un’altra categoria di esseri umani da tutelare, ossia i bambini? O meglio, i “gender” stanno davvero tentando di “attaccare” la società sfruttando i bambini e le scuole? Forse è questo, quello che abbiamo potuto cogliere dal divulgarsi di notizie sui social vari, dove la presa di posizione di un partito politico di estrema destra, di natura cattolica, ha sfruttato il buon senso e la poca informazione dei genitori per esprimere a proprio piacimento un fatto molto delicato.

In risposta, mi sono affacciata sul decreto ministeriale dei MIUR (Ministero dell’istruzione) per capire quali fossero veramente i fatti: eccovi l’articolo DECRETO MINISTERIALE TEORIA DEL GENDER. Cos’è la Teoria del Gender? E come la espone e chiarisce il MIUR? A detta del sottosegretario all’istruzione Faraone, una teoria simile neppure esiste. Si parlava di voler introdurre nelle scuole l’educazione ai vari generi sessuali, intesa come esporre agli studenti, fin dai primi anni di vita, che uomo e donna non sono gli unici generi esistenti, ma che ve ne sono altri quattro (Lesbiche, gay, bisessuali e transessuali) e il compito di un ragazzo in crescita è di capire le possibilità che vi sono di diventare, sul piano sessuale, chi gli pare. Questa dovrebbe essere la teoria del gender…che per i cattolici pare sia stata divulgata appunto dal movimento LGBT. Ma tutto ciò, non esiste. Nel link ministeriale, troverete il chiarimento a tutto ciò, dove il Ministero fa riferimento all’art. 5 comma 2, dove si parla di “evitare in tutti i modi possibili” la discriminazione tra sessi e garantire la parità di questi. Nell’articolo 5, troviamo inoltre specificati i mezzi economici e non solo, messi a disposizione per favorire la parità, intesa anche e soprattutto come parità tra maschi e femmine, queste ultime tutelate dalla costituzione, al fine di evitare maltrattamenti e quant’altro. Pertanto, il ministero ha provveduto, sul piano educativo a favorire anche nelle scuole l’introduzione all’argomento, senza bisogno di nessuna teoria che devii le menti dei ragazzi, ma semplicemente favorendo argomenti all’ordine del giorno, visto che in società è sempre più vasta la diversità, che sia di religione, di razza e anche di sesso.

Facendo un giro sul sito ANSA, ho trovato un articolo che lascia ben intendere il perché di questo decreto: all’interno di una scuola di Monza, il preside ha “isolato” un 16enne ritenuto omosessuale solo perché ha pubblicato su un social network una foto con un amico. TROVI QUI L’ARTICOLO. Ammesso che il ragazzo fosse davvero gay, perché isolarlo? Il “capo” scolastico si è giustificato dicendo che “gli altri alunni deridevano il compagno”. Quindi, intenzione del ministero è proprio evitare questo: che per motivi simili, all’ordine del giorno, siano discriminate persone con un orientamento sessuale diverso dal “normale”.

Ora, tutto ciò, non è a discapito della religione cattolica, nè una presa di posizione a favore dei gay & company.

Bensì mi sono informata, senza essere negligente, nonostante io non avessi figli, su un fenomeno di importanza rilevante che avrebbe cambiato perennemente la società, se si fosse davvero trattato di ciò che la cattiva informazione ha divulgato. Di altrettanta importanza è l’intenzione “buona” del ministero, che mette luce nell’articolo che vi ho linkato sopra, sulle reali intenzioni di un’educazione che mira all’accettazione, seppur non condivisa, di altri generi e nel rispetto di esseri umani con idee diverse. Sessuali, religione, culturali che siano. Della serie: “rispetto, anche se non condivido”.

Per quanto riguarda la deviazione di menti umane, a partire dalla tenera età, non è forse l’intero sistema della società a imporre regole e ideali che ci “meccanizzano” all’interno di un piano sociale? Quindi, cari genitori, non voglio polemizzare, non quanto molti di voi si sono permessi di fare, creando un inutile putiferio senza senso. Informatevi, anche minimamente.

Sostengo pienamente l’idea del ministero, anche se in tenera età sarebbe preferibile evitare…infatti, si comincia dagli anni in cui i ragazzi cominciano a “diventare adolescenti” e non dall’asilo come molti di voi pensavano.

Inoltre, perché tanta ira senza informazione per ciò e poi ci preoccupiamo poco del cattivo uso che internet e media vari hanno sui nostri figli, futuri “uomini” di questo mondo?

La storia dei gay, dei matrimoni e dei figli è un altro conto e poco c’entra con la “teoria inesistente del gender”.

Accettiamo semplicemente persone con orientamento sessuale diverso dal nostro e che ognuno viva la propria vita come gli pare, senza discriminazione. E tranquilli…che nelle scuole c’è ben peggio dell’educazione alla sessualità, che può deviare i vostri figli.

Detto ciò, questo è il mio punto di vista al riguardo, vi lascio altri link utili se volete informarvi ulteriormente sull’argomento e sarei ben lieta di leggere il vostro punto di vista.

Baci baci, Mary B.

TEORIA GENDER OMPHALOS ARCIGAY

L’Associazione Italiana Psicologia

WIKIPINK – TEORIA DEL GENDER

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...