L’amore ai tempi dei social network

Avete presente quando vi capita di incontrare un tipo che finalmente trovate perfetto per voi, che si comporta come un vero galantuomo e vi porta a cena nei posti più belli della città? Solo che poi vi sorge il sospetto (a volte fondato!) che vi porti in posti simili solo perché molto distanti dalle zone in cui vivete entrambi, forse per paura di farsi vedere in vostra compagnia. Che flop!

Questo accadeva evidentemente un bel po’ di anni fa. Oggi, la stessa cosa, si è trasformata in un fenomeno mediatico: non è vero amore se non vi “condivide” su facebook, twitter, instagram e via dicendo. Insomma, ci siamo veramente ridotti a questo?

Mi capita spesso di ritrovarmi in bacheca foto di dolci coppie innamorate con frasi che farebbero invidia al buon Shakespeare! Sdolcinati o no, l’importante è mostrare sui social chi è il nostro partner! E soprattutto esagerare con frasi mai lette prima, dichiarazioni illustri che devono fare l’invidia delle altre coppie! “Perché noi siamo il meglio”.

In realtà, la stessa storia succede un pò per tutto: foto di serate, di cibo, di qualsiasi cavolata possa avvenire nell’arco della giornata di un utente. Eppure, l’amore non è visto come una cavolata, almeno non da tutti e non ancora a livelli strategici! E allora perché ci ostiniamo a ritenerci offesi se il nostro partner non ci “mostra” spesso? Forse, tornando alla storia dell’uomo che ci porta a cena solo nei luoghi dove non può incontrare chi lo conosce, la nostra è paura: di non essere importanti per l’altro, di non essere abbastanza. E nell’epoca dei social, “abbastanza” è una parola brutta: si è sempre sotto ai riflettori e se hai pochi “like” rischi l’emarginazione dalla società! Che brutta storia!

Apparirò troppo vecchia se dico “ricordo i tempi in cui”? Beh, correrò il rischio. Ricordo i tempi in cui la fiducia non era manipolata con la stessa mediocre estremità di oggi: quando bastavano dei fiori e parole scambiate a quattrocchi, per sentirsi speciali. Il progresso ci ha davvero ridotti così? La fiducia in un rapporto sta nel numero di condivisioni su un sito internet? Alquanto squallido a dirsi, peggio ancora a farsi.

Siamo donne già isteriche e uomini insicuri. Affidare ad un social anche i sentimenti è l’ultimo degli orrori. Perché non ritrovare il piacere di viversi e basta? Sarà che l’aumento del numero di deficienti in giro, ha danneggiato la nostra fiducia. Ma non è forse peggio dipendere da ideali e valori, come appunto l’amore, ridicolizzati in maniera simile?

Ritrovate il piacere di godere della realtà e lasciate perdere i social network! I momenti migliori si condividono animo contro animo, non con dei link! L’amore ai tempi dei social network è un vero passo indietro ed un’offesa ad una delle “esperienze sensoriali” più belle.

Forse, per Romeo e Giulietta sarebbe stato più facile: loro che non potevano vedersi e dovevano nascondersi dai loro parenti, avrebbero certo apprezzato un social dove è possibile sentirsi e videochiamarsi restando comodamente a casa.

Ma per noi che è tutto più facile, non lo è di certo per l’esistenza di un social network: non pensate di nascondere i vostri sentimenti reali, limitandovi a viverli su internet ed ad affidarvi alla condivisione di un amore per il gusto di “dimostrare”? Dimostrare cosa poi? Ripeto, che brutta storia. No, forse non sarebbe piaciuta manco a Romeo e Giulietta, i quali vivevano un amore reale, dove non c’è bisogno di apparire per gli altri.

Annunci

La donna con gli attributi del nuovo millennio è un’icona di seduzione o di volgarità?

Secoli di lotte tutte al femminile per far entrare nella testa dei nostri uomini, ai quali facciamo da mamme, che le donne hanno le stesse qualità e gli stessi diritti dei maschietti. In fondo, l’alfa è solo una lettera greca, ma nella società attuale, la donna alfa che osiamo dire provvista di attributi (seppur metaforici), è vista come un maschiaccio in un bel corpo oppure come l’icona di seduzione capace di comportarsi con gran stile nelle avversità della vita?

Per non farla lunga, il nuovo millennio e tutto questo progresso, hanno fatto ribaltare nelle tombe, quelle povere donne che negli anni addietro hanno lottato per ottenere la parità dei sessi. Chi l’ha detto che sono i maschi, il sesso forte? Certo, non è proprio il massimo ritrovarsi accanto una donna che si definisce Alfa, ma si comporta come Er Monnezza. La parità dei sessi non significa comportarsi come un clochard dei bassi fondi. Il pari è una questione di stile. L’indipendenza che le nostre antenate tanto sognavano, non è affatto da ritrovare in atteggiamenti poco consoni alla figura di una femminuccia.

L‘eleganza è alla pari dei sessi, pertanto è una qualità che va coltivata e conservata, ma perché, allora, più andiamo avanti e più le donne si comportano come scaricatori di porto? Non è certo questo che immaginavamo di essere. Allora perché alcune donne neppure se ne rendono conto e continuano ostinate a considerarsi icone di seduzione in abiti accinti e parole poco francesi? Oddio, un bel vestito sexy poco c’entra con la donna alfa e con la volgarità. Eppure, esagerare nei modi ci fa apparire per quelle che non siamo affatto. Un abito è un accessorio che indossi per dimostrare alla società chi sei: se ti vesti e ti atteggi come una poco di buono in società, chi sei allora con “te stessa”? Chi vuoi essere?

La donna alfa dovrebbe essere una figura con gli attributi metaforici capace di agire con occhio vigile e cuore infinito, sulle occasioni che la vita presenta. Ma tutto questo atteggiamento aggressivo adottato da molte donne in questi anni, non ha affatto dimostrato ciò, bensì ha esposto alla società e quindi ai maschi che tanto si credono più forti di noi femmine, che di donne non ne esistono più, ma solo figure femminili con atteggiamenti volgari.

Poco importa quanto trucco metti e quanto sono alti i tuoi tacchi, se ti esprimi come un orango tango. Donna Alfa è sinonimo di seduzione: riuscire ad essere indipendenti e capaci di provvedere a se stesse, non significa essere aggressive e volgari e soprattutto significa saper essere “donna” soprattutto per il proprio piacere. Se ti esponi alla società con un carattere forte, ricordati di conservare la tua indole, donna: che non è l’animo fragile, bensì l’eleganza. Questo seduce e questo importa, continuare a dimostrare a se stesse, prima che a tutti coloro che si sentono superiori solo perché hanno ereditato il cromosoma y, che la donna con gli attributi non è affatto un’icona di volgarità, ma di seduzione.

E che le nostre antenate riposino finalmente in pace. Amen.